Procedure

Lavaggio vetri con acqua pura: Cronaca di una dimostrazione (finita bene!)

Condividi

Ben tornati dalle vacanze! Oggi approfitto dell' ultima prova dimostrativa (l' ennesima negli ultimi 10 anni!) fatta con il sempre disponibile Francesco Favole di Unger per poter approfondire alcuni aspetti pratici dei sistemi per il lavaggio di vetri esterni con "acqua pura".

Buona lettura!

 

Prima di inziare: Controllo durezza dell' acqua

Sapere quanto è dura l' acqua sul cantiere ci darà la misura della durata delle resine.

Nel caso specifico l' acqua è di 32 °f (320 PPM).

Questo permette al pacchetto di ricarica per il modello HydroPower Ultra LC (quello più grande per intenderci) di filtrare circa 3000 lt di acqua.

Considerando un consumo di 2 lt di acqua per pulire 1 mq riusciremo a pulire 1500 mq di superficie con una ricarica di resine.

320ppm

 

Prima di iniziare: controllo resine

Sopra il filtro è posizionato un misuratore di durezza. Per un perfetto funzionamento dovrà segnare 0 PPM. Quando il dato riportato è superiore a 10 bisognerà cambiare le resine.

misuratore

 

Curiosità

Come funziona in parole povere la pulizia con acqua pura?

L' acqua viene privata di tutti i minerali. I  risultati che si ottengono sono 2:

  1. L' acqua "cerca" i minerali che le mancano e così stacca lo sporco
  2. Anche con l' asciugatura naturale  non si ha nessun residuo di calcare o impurità sul vetro
Inizio Lavori: Allungare l' asta

Per iniziare bisogna portare la spazzola "in quota"!

Il sistema di aste idriche nLite di Unger è ad aste modulare e telescopico. Per un utilizzo semplice e veloce a una mano I morsetti gialli indicano che in quel punto è possibile separare o collegare due moduli. Il morsetto nero è quello utile per allungare o accorciare l' elemento telescopico. (guarda il video)

N.b. La vistosa marcatura rossa nella parte inferiore di ogni asta avvisa di non sfilare ulteriormente l‘asta.

rossa

 

Durante il lavoro: Vetro idrofilo o vetro idrofobo?

Una volta arrivati in quota si inizia il lavaggio.

Da come si "spacca" l' acqua sul vetro capiamo si tratta di vetro idrofobo. Non è la situazione ideale ma non ci scoraggiamo.

Suggerimenti operativi

  1. L' utilizzo di ugelli a ventaglio è ideale in caso di vetri idrofobi.
  2. La spazzola in setole naturali è la più performante.
  3. Quando i vetri sono molto alti (come in questo caso) suddividerlo in tre strati per poter lavorare sempre con l' asta alla stessa lunghezza comodamente.
  4. Per muovere la spazzola sul vetro si deve camminare in avanti e indietro evitando movimenti delle braccia. Ci si stanca meno e si ottiene un ottimo risultato.
  5. Passare almeno 4 volte sulla stessa superficie. è meglio eccedere con la pulizia che doverci tornare successivamente
  6. Rimanere sempre fronte spazzola per evitare di perdere il baricentro dell' asta.
  7. In caso di presenza di superfici orizzontali utilizzare entrambi i colli d' oca in gamma
  8. Considerare di avere una produttività oraria media di 60 mq
20 mt

 

Durante il lavoro: è ora di scendere

Una volta svolto il lavoro ad una certa altezza si scende.

nLite è un sistema di aste modulare e telescopico. per questo è sufficiente sfilare i moduli che non sono più necessari per poter avere uno strumento quanto più leggero e pratico possibile!

terra

 

Cambio resina

Di seguito due brevissimi video: Come sostituire la vecchia resina con una nuova con la nuova tecnologia FloWater 2.0.

Note a margine

Durante questa prova ho imparato 2 trucchetti molto interessanti:

l' utilizzo del regolatore di flusso per gestire l' acqua direttamente dall' asta:

regolatore

 

Utilizzo dell' adattatore a cono HiFlo:

Sull' asta nLite si può montare l' adattatore a cono per poter utilizzare tergivetro, vello e accessori vari per poter completare nel modo migliore il lavoro.

cono

 

Vantaggi e limiti dell'acqua pura
pc

 

Vantaggi:

  1. eliminazione costi cestello
  2. raddoppio della produttività poiché non serve asciugare con il tergivetro
  3. lavoro in sicurezza con i piedi a terra
  4. Soluzione ecologica: nessun detergente utilizzato

Limiti:

  1. non adatto per sporco da cantiere (cemento, silicone, adesivi)
  2. non adatto per vetri rovinati da residui di calcare e ossido

Come anticipato la prova ha lasciato molto soddisfatto impresa e committenza.

Lascio di seguito materiale informativo dei sistemi ad acqua pura disponibile nella gamma Magris

Contattateci per qualsiasi necessità o chiarimento

Ringrazio nuovamente Francesco di Unger per la disponibilità!

A presto!

 

Dimenticavo..ultima curiosità

Come scegliere tra versione a resina (Hydropower Ultra) o a osmosi inversa (Hydropower RO)?

Come indicazione di massima considerate che la scelta del filtro a osmosi inversa inizia ad essere conveniente da una produzione annuale di 15/20000 mq. Per qualsiasi dubbio siamo a disposizione!

Tag

Condividi

Vito Scilabra

Lavoro nel campo del Cleaning professionale dal 2001. Oggi mi occupo di forniture di sistemi per la pulizia, sanificazione e di tutta la consulenza che questo lavoro si porta dietro.